Benessere Moret

Expertise / Arch&Craft hospitality

Benessere Moret - piscina
Benessere Moret - piscina

La riqualificazione di uno degli alberghi più importanti di Udine: l’Hotel la di Moret, con 106 anni di storia.

Il percorso di riqualificazione del complesso “Hotel Là di Moret” inizia cercando di definire innanzi tutto come, in un momento di grande competizione e sofferenza del mercato alberghiero, l’hotel potesse emergere caratterizzandosi rispetto alla concorrenza.

Abbiamo affermato come l’Hotel la di Moret sia un “luogo”, mentre altri non lo sono, e di come questa sua capacita’ di essere luogo vada rinforzata.
Aldo Rossi, uno dei miei professori di Venezia, diceva che: “ogni luogo si ricorda nella misura in cui diventa un luogo d’affezione” e per ottenere questo risultato abbiamo bisogno di almeno due elementi: l’ambiente e le persone che lo gestiscono.

L’Hotel la di Moret dovrà diventare immediatamente riconoscibile per l’architettura, intesa soprattutto come qualità degli spazi, la raffinatezza del design fin negli ultimi dettagli e, possibilmente, come luogo di cultura e d’arte.

Le fasi della ristrutturazione

Il programma e’ stato stilato cercando di rispettare le priorità concordate con il cliente:

Prima fase: la realizzazione del centro wellness di circa 1.000,00 mq

Seconda fase: la sistemazione delle reti esterne, dei parcheggi, delle aree esterne e delle aree tecniche

Terza fase: la ristrutturazione delle stanze degli ospiti

Quarta fase: la ristrutturazione delle zone comuni

Quinta fase: la ristrutturazione della cucina e delle aree destinate al personale

Il centro wellness Blu Moret e le aree esterne

La prima parte del lavoro ha riguardato la costruzione di un centro benessere di quasi mille metri quadrati, divisa in quattro parti: piscina, benessere, centro estetico e giardino.

Il wellness doveva comprendere tre aree all’interno di un nuovo edificio affiancato all’esistente:
- al piano terreno un’area piscina, un’area saune con almeno due saune un bagno turco, docce emozionali e vasca idromassaggio;
- al piano interrato una beauty farm per i trattamenti di bellezza.
Le aree esterne dovevano essere completamente riorganizzate con parcheggi e spazi verdi, distinguendo nettamente tra aree di servizio e accesso al personale da quelle riservate agli ospiti.

Si è deciso di dividere l’edificio in due parti:
- una chiusa verso l’esterno che ruoti intorno ad un giardino “da meditazione” interno
- l’altra aperta verso l’esterno in modo da collegare la piscina con un giardino appositamente riservato al relax degli ospiti.

L’edificio e’ stato progettato ponendo una grande attenzione agli isolamenti termici ed acustici e coperto con un giardino pensile che cambia continuamente i suoi colori offrendo una piacevole vista dalle camere rivolte verso l’interno.

Con questo progetto Moret estende l’idea di ospitalità a quella di benessere generale.